Lettori fissi

lunedì 1 maggio 2017

Leggende di Venezia: la statua di Garibaldi e del Garibaldino


Buon giorno a tutti,
Oggi voglio inaugurare una nuova rubrica in cui ci parlerò di Venezia, la mia città.

Una città unica, meravigliosa che oltre le sue bellezze architettoniche nasconde delle fantastiche leggende che non tutti conoscono, leggende legate da storie reali a storie surreali che alle volte quando ti trovi in determinati luoghi possono mettere i brividi...



Questa è via Garibaldi, l'unica via di Venezia dato che in città non esistono le vie ma i Sestieri di cui in seguito vi parlerò più dettagliatamente.































In origine c'era un rio che nel 1807 fu interrato, all'inizio la chiamarono via Eugenia ( in onore di Eugène Beauharnais a quel tempo viceré d'Italia ) poi Strada Nuova dei Giardini e nel 1866 la via fu dedicata a Giuseppe Garibaldi.

 Il monumento di Giuseppe Garibaldi  si trova nel viale dei Giardini verso la fine di Via Garibaldi, su una roccia situata sopra la vasca dei pesci rossi ( al giorno d'oggi circondata da pesciolini e tartarughe) ai suoi piedi un grande leone.













































Non tutti però notano la statua che sta dietro, è la statua del garibaldino Giuseppe Zolli di cui narra la leggenda...

































Nell'autunno del 1921 un veneziano raccoglieva lumache vicino alla statua di Garibaldi quando si sentì spingere e cadde a terra. Mentre cercava di rialzarsi intravide nel buio una figura vestita di rosso che si muoveva velocemente e il veneziano scappó dalla paura.

Pochi giorni dopo una coppia di innamorati che era vicino al monumento fu cacciata via da una figura vestita di rosso, i ragazzi giurarono che si trattava di un fantasma che indossava una camicia rossa.
La sera successiva capitó la stessa cosa ad un pescatore sempre nei pressi del monumento.
A questo punto in tutta la città si diffuse la notizia che un fantasma si aggirava intorno alla statua di Garibaldi, fu allora che fu istituito un servizio di vigilanza per verificare che qualcuno non fosse in vena di fare scherzi.

Ma proprio quella notte i vigilanti rimasero di stucco perché il fantasma si materializzó  davanti a loro, con la sua camicia rossa e l'aria di sfida.
La figura del fantasma venne riconosciuta  come un soldato garibaldino ed identificato come Giuseppe Zolli, uno dei famosi "Mille" dell'esercito di Garibaldi che era morto poche settimane prima e sepolto nel noto cimitero di San Michele a Venezia.
Qualcuno si ricordó che il garibaldino aveva giurato di difendere sempre il suo comandante, anche dopo la morte.

Fu così che allora costruirono anche la sua statua alle spalle di quella di Garibaldi  in modo da proteggere per sempre il suo capitano.

Da allora nessuno vide più il fantasma aggirarsi da quelle parti.







28 commenti:

  1. Carissima Michela pur abitando a Padova e non distanziando tanto da Venezia, ti posso garantire che non conoscevo tale leggenda che mi ha intrigato non poco. Ne conosci altre?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si cara, ho letto un interessantissimo libro che parla delle leggende legate a Venezia, ve ne parlerò ancora, voglio descriverle con miei scatti fotografici perciò ho bisogno di un po' di tempo 😉

      Elimina
  2. Che posti incantevoli, meravigliosi, spero di poterli visitare presto, grazie per le info

    RispondiElimina
  3. E' sempre bello conoscere queste leggende del passato, rendono i posti di cui narrano ancora piu' affascinanti!

    RispondiElimina
  4. Mi hai davvero incantato con la tua leggenda, complimenti per gli scatti fotografici molto belli!

    RispondiElimina
  5. bellissimi i tuoi scatti fotografici..da visitare la tua città.

    RispondiElimina
  6. Sai che non avevo mai fatto caso al fatto che fosse l'unica "via", cioè sapevo che tutto si chiama sestriere, calle ecc, ma non avevo mai realizzato che questa fosse una via!

    XOXO

    Cami

    RispondiElimina
  7. venezia è la mia citta' preferita in assoluto, non conoscevo la leggenda bella ed anche molto interessante mi piace scoprire cose nuove di questa bella citta'!

    RispondiElimina
  8. che bella venezia, ci vado spesso! anche la leggenda, molto interessante!

    RispondiElimina
  9. Un giorno andrò a Venezia è sempre stato il mio desiderio nella la leggenda

    RispondiElimina
  10. Mi piace tanto questo post e mi interessa seguire le prossime notizie di Venezia che fino ad ora non ho visitato

    RispondiElimina
  11. Ho visitato venezia soltanto 2 volte e ancora mi mancano tantissimi luoghi di cui innamorarmi, come questo parchetto, le due statue e le leggende legate ad esse!

    RispondiElimina
  12. Venezia è poco lontana da casa mia, appena posso i rifugio lì!

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Adoro Venezia, grazie per questo articolo così personale!

    RispondiElimina
  15. Questa storia è davvero suggestiva, Venezia dev'essere incantevole!

    RispondiElimina
  16. Vivi in una città davvero suggestiva, incantevole! Molto interessante la leggenda, non la conoscevo!

    RispondiElimina
  17. bellissima questa leggenda :) sono stata a Venezia due volte ma ci vorrei assolutamente tornare!

    RispondiElimina
  18. bellissima questa leggenda :) sono stata a Venezia due volte ma ci vorrei assolutamente tornare!

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Venezia è qualcosa si unico... <3

    RispondiElimina
  21. Quante cose si scoprono!! Non conoscevo questa leggenda, ora ho ancora più voglia di visitare Venezia!

    RispondiElimina
  22. È una bellissima storia da raccontare a gaia!

    www.elisabettabertolini.com

    RispondiElimina
  23. Mi affascinano molto le leggende e questa è davvero interessante! Non sono mai stata a Venezia, ma spero un giorno di andarci e sicuramente farò una visita alla statua di Giuseppe Zolli!

    RispondiElimina
  24. Venezia mi suscita fascino da sempre..e pensare che non sono mai stata. Dovrò rimediare, ma intanto un po' di cultura generale mi servirà, quindi ben vengano questi post!!! Davvero interessante questa rubrica, brava!!!

    RispondiElimina
  25. davvero interessante! e pensare che non ne sapevo nulla!

    RispondiElimina